‘Autunno, la staśon incantadora’ propone un confronto tra parlate del basso e alto ferrarese

La rassegna legata alle tradizioni locali continua con cinque nuovi appuntamenti

Data:

20/11/2023

Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

I dialetti tra alto e basso ferrarese: sarà dedicato al vernacolo (e alle diverse parlate territoriali) il quinto di dieci appuntamenti del ciclo  ‘Autunno, la staśon incantadora’, rassegna promossa dalla biblioteca Giorgio Bassani (via Giovanni Grosoli, 42). L’incontro è in calendario martedì 21 novembre, alle 17 in biblioteca

 

Il cenacolo di cultura dialettale ferrarese Al Tréb dal Tridèl animerà l’evento proponendo un excursus tra le diverse parlate dialettali e un confronto tra le parlate del basso e dell’alto ferrarese. 

 

Il programma continuerà il martedì successivo, 28 novembre, con l’illustrazione e i ricordi legati agli antichi mestieri artigiani. Il 5 dicembre l’appuntamento è con la storia, e nello specifico con Lucrezia Borgia a Ferrara, tra leggenda e realtà. Il vernacolo tornerà al centro degli incontri martedì 12 dicembre con una piece teatrale natalizia, dal titolo “Nadal a Frara e Al bon ann”, quindi il 14 dello stesso mese si ripercorreranno i racconti e i ricordi di “Gente, luoghi e storie degli anni ‘40 e ‘50”. Chiusura martedì 19 dicembre parlando delle antiche tradizioni popolari ferraresi. Tutti gli eventi sono alle 17 in biblioteca. La rassegna è realizzata in collaborazione con autori e autrici del territorio ferrarese, in particolare con il Cenacolo dialettale ferrarese Al  Tréb dal Tridèl e il MAF, Centro di Documentazione del Mondo Agricolo ferrarese.

 

“La tradizione è il cuore della cultura del territorio. Questo calendario non a caso va in scena nel tempio della cultura, la biblioteca, e unisce saperi e temi antichi, saggezza popolare, storia, con il coinvolgimento di tante realtà, che ringrazio. Per il secondo anno si conferma, e si arricchisce, così una rassegna che ha un comune denominatore: le nostre radici ferraresi, ciò che ha originato la cultura territoriale, un patrimonio da salvaguardare e da tramandare”, ha detto il sindaco Alan Fabbri presentando la rassegna, partita il 17 ottobre, che nel complesso conta dieci eventi in calendario.

A cura di

Altre informazioni

Data pubblicazione

20/11/2023

Aggiornamento

20/11/2023 14:23