In Comune il presepe donato da Paolo Travagli

Paolo Travagli: “Ispirato dai miei ricordi di bambino, sia un regalo per la serenità”. Il grazie del sindaco Fabbri: “Un grande dono alla città”

Data:

08/12/2022

Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

Un presepe “legato a un tempo che sta scomparendo, di quando ero bambino, ai ricordi dei giochi sulla neve, alla voglia di correre sotto i fiocchi, alle cadute sul ghiaccio e al desiderio di rialzarsi e riprendere a divertirsi”. Con questa ispirazione intrisa di “quell’atmosfera dei borghi di campagna di una volta”, Paolo Travagli, appassionato presepista e noto commerciante cittadino, quest’anno è tornato - per il quarto anno - a donare alla città il proprio presepe.

 

In questi giorni ha lavorato nel salone di ingresso di palazzo Municipale per realizzare un’installazione finemente lavorata: le vecchie case di campagna con muratura a vista, gli attrezzi contadini, il trasporto delle fascine, le lanterne, i viottoli attraversati anche dagli animali, gli archi in pietra, il pozzo, i portali in legno, le anfore, i vasi in terracotta. Tutto ricostruito con cura dei dettagli e ricreando un paesaggio innevato. 

 

“In un mondo che vive di ritmi frenetici il presepe deve essere un momento per fermarsi, per provare serenità, per riflettere”, dice l’artista la cui passione nasce da bambino “da quando mi divertivo a comporre creazioni natalizie con il materiale che avevo a disposizione, il muschio dei fossi, la legna, su una credenza”.

 

Oggi di anni ne ha quasi 70, la sua tecnica e i materiali si sono di molto evoluti, ma la passione è sempre quella e l’obiettivo pure: “Realizzare ambientazioni realistiche che regalino una sensazione di tranquillità: l’idea, concreta e immediatamente percepibile, delle cose di una volta”. 

  

“Ringrazio Paolo Travagli per questo dono che - anche quest’anno - ha fatto alla città, e invito tutto a venire a vederlo perché suggestivo e di grandissima qualità. Si vede la mano dell'artista e la passione che infonde nel lavoro”, dice il sindaco Alan Fabbri. “Mi congratulo con lui per la capacità che, anche questa volta, ha dimostrato nel ricostruire mondi lontani nel tempo ma che riesce a portare vicino a noi grazie all’abilità, all’ispirazione, all’esperienza e all’amore per il presepe che è parte fondamentale della nostra storia, simbolo e cuore della nostra cultura e identità profonda”. 

A cura di

Altre informazioni

Data pubblicazione

08/12/2022

Aggiornamento

12/12/2022 09:16