Recupero della Biblioteca Dino Tebaldi in via Ferrariola

Lunedì 5 febbraio al via gli interventi di riqualificazione della struttura

Data:

02/02/2024

Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

Al via da lunedì 5 febbraio i lavori di riqualificazione della Biblioteca Dino Tebaldi di via Ferrariola, in zona San Giorgio. I lavori dureranno 90 giorni e riguarderanno in particolar modo il cambio della vetrina e degli infissi sul retro, la ritinteggiatura dello spazio e una nuova pavimentazione per ospitare un nuovo spazio funzionale con aree dedicate alla lettura, uno spazio bambini e la caffetteria, servizi igienici, nuove postazioni digitali e una sala polivalente a disposizione dei cittadini.

 

Lo spazio sarà implementato anche da un’area verde retrostante la biblioteca, di oltre duemila metri quadrati, a sud della Basilica di San Giorgio, donata al Comune nel 2022 da Daniela Simioli. La donazione incrementa di fatto il patrimonio comunale di quasi 31mila euro, aggiungendo grande valore alla biblioteca, essendo direttamente collegata a questo spazio verde e utilizzabile, a fine lavori, come spazio per iniziative e incontri all’aperto.

 

L'intervento, per un importo complessivo di 200.000 euro interamente finanziati dall'Amministrazione comunale, prevede una riqualificazione del complesso bibliotecario, anche attraverso l'aumento degli spazi di pertinenza, ottenuti dalla ristrutturazione dei locali limitrofi, ad oggi destinati ad altro uso.

 

“Con questo progetto di riqualificazione restituiremo ai cittadini uno spazio del patrimonio pubblico messo in sicurezza, intervenendo sugli impianti e su un luogo ora vetusto e sottoutilizzato, dando così anche un maggiore valore all’immobile condominale di via Ferrariola. Verrà ampliata la funzionalità della biblioteca offrendo un servizio di valore ai cittadini, e in particolare agli abitanti della zona di San Giorgio”, spiega l’assessore Angela Travagli.

 

Nella nuova sede saranno demolite tutte le pareti esistenti, tra cui le tramezzature in forati che attualmente dividono i vari ambienti e i locali di servizio; saranno smontati gli infissi, l’impianto elettrico, di riscaldamento e gas. Una volta ripristinato lo spazio come unico ambiente verranno realizzate delle tramezzature nuove in cartongesso per la creazione di un locale archivio, un angolo ristoro e due bagni di dimensioni idonee alla fruizione da parte di persone portatrici di disabilità. Lo spazio non verrà ulteriormente diviso per poterlo rendere utilizzabile nel complesso, con delle aree che verranno definite solo dall’arredo, mobile, e non da limitazioni architettoniche. Questo permetterà all’occasione di modellare gli spazi in funzione di eventi specifici. Le vetrine saranno tutte cambiate con infissi nuovi in alluminio a taglio termico e vetri antisfondamento, le finestre saranno sostituite con serramenti in pvc a taglio termico e vetri basso emissivi. A livello di finiture, verrà eliminato il parquet della palestra e riportato ovunque il pavimento sottostante uguale in tutti gli ambienti alla stessa quota sopra il quale verrà incollato il nuovo pavimento in gres porcellanato di formato 60x60. Le pareti e i soffitti verranno rasati e tinteggiati. In bagno verrà realizzato un controsoffitto in cartongesso.

A cura di

Altre informazioni

Data pubblicazione

02/02/2024

Aggiornamento

02/02/2024 15:07