Domenica 23 luglio, concerto all'alba per inaugurare il Parco Urbano

La riapertura del Parco G. Bassani dopo i lavori. Moni Ovadia: "Torniamo alle origini, il teatro nasce a cielo aperto e partecipa a tutte le forme d'arte"

Data:

21/07/2023

Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

“Il teatro oggi torna dove è nato, a cielo aperto. E partecipa alla città in tutte le sue declinazioni culturali, come è stato anche per il concerto di Bruce Springsteen. Ferrara è cultura in quanto tale, leggendaria per ciò che rappresenta dal punto di vista delle arti. Qui si lavora bene, con entusiasmo e il governo della città attiva tutte le opportunità”. Parole di Moni Ovadia, direttore generale del Teatro Comunale di Ferrara ‘Claudio Abbado’, che oggi - con il vicesindaco Nicola Lodi e l’assessore alla Cultura Marco Gulinelli - ha presentato l’evento di domenica 23 luglio, all’alba: il concerto che inaugurerà il parco Urbano dopo i recenti lavori che hanno portato al potenziamento dell'accessibilità, alla realizzazione di nuovi tracciati (per 7.500 metri quadrati), e prossimamente - ha annunciato Lodi - all’installazione di nuovi arredi urbani con cestini, panchine, portabiciclette, una palestra all’aperto e di nuove telecamere di videosorveglianza.

 

L’appuntamento è alle 6, in zona ex spogliatoi piscine (con accesso dal ponte ciclopedonale di via Bacchelli) per salutare in musica il nuovo giorno. Il repertorio spazierà da Mozart (a cura del giovane pianista Giovanni Bergamasco) a Carl Maria von Weber (con il trio composto da Morena Mestieri, al flauto, Valentina Migliozzi, al violoncello, e Carlo Bergamasco al pianoforte), per concludersi con un gran finale sulle note delle Quattro Stagioni di Vivaldi, affidato all’Orchestra Città di Ferrara del maestro Antonio Aiello.

Al termine colazione per tutti i presenti, con caffetteria e paste offerte al pubblico (anche per celiaci). Sono previste circa mille sedie, ma si può assistere al concerto anche comodamente seduti sul prato, portando un telo da casa.

 

“Un’iniziativa straordinaria”, l’ha definita Ovadia, che porterà a “riempire il parco all’alba, a godersi quel momento con un repertorio musicale fantastico”. “Abbiamo voluto affidare al Teatro Comunale pieno protagonismo in campo culturale, in tutte le espressioni artistiche. Ringrazio gli artisti e tutte le maestranze che con entusiasmo hanno dato un contributo fondamentale e straordinario per arrivare a far conoscere e apprezzare il nostro teatro oltre le sue mura”, ha sottolineato Gulinelli. “La musica non si distingue in musica classica e non, ma ha valore in quanto musica di qualità. La musica colta? Non 'morde', basta avere un po' di disponibilità d’animo. Il piatto forte dell’evento di domenica sarà l’Orchestra Città di Ferrara che, nel nuovo assetto che abbiamo voluto imprimere al teatro, è diventata una ‘orchestra stabile’ del Teatro, che ha partecipato con un livello molto alto a nostre produzioni liriche”, ha sottolineato Carlo Bergamasco, vicepresidente del Teatro che si esibirà sul palco domenica. “Il futuro? L’obiettivo è dare una nuova centralità al parco, stimolare le persone a viverlo, non solo con concerti, ma anche con mostre, sport, esposizioni. E stanno arrivando diverse proposte anche dalle associazioni”, ha annunciato Lodi.

A cura di

Altre informazioni

Data pubblicazione

21/07/2023

Aggiornamento

21/07/2023 15:23