I Nomadi, a Novellara, ringraziano nuovamente Ferrara

Sul palco sale anche il sindaco Fabbri che dichiara: "Un impegno comune nel solco di Augusto Daolio"

Data:

19/02/2023

Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

Anche Ferrara è stata ricordata al grande evento di Novellara dedicato ai Nomadi, dal titolo Nomadincontro, nel 60ennale della fondazione del gruppo. All'appuntamento di questo pomeriggio, alla presenza del sindaco Alan Fabbri, la città estense è stata ringraziata davanti a migliaia di fan per la recente donazione - realizzata con la raccolta fondi dell'associazione 'Augusto per la vita' (dedicata alla memoria all'eredità di Augusto Daolio, fondatore della band) - a favore dell'oncologia pediatrica dell'ospedale di Cona.

 

Donazione di diecimila euro raccolti anche in occasione della mostra di Augusto Daolio a palazzina Marfisa d'Este (dal 18 giugno all’11 settembre 2022), del concerto dei Nomadi a Ferragosto al parco Marco Coletta e di eventi musicali del gruppo tributo 'Mercanti e Servi'.

 

La donazione promossa da 'Augusto per la vita' è stata devoluta l'8 febbraio ad AIL Ferrara Odv (Associazione Italiana contro le Leucemie, Linfomi e Mieloma) per l’acquisto di un ecocardiografo dal valore di 50mila euro. Il Comune ha contribuito per 5mila euro. La strumentazione è in grado di effettuare misurazioni complesse per monitorare al meglio la funzionalità dell’apparato cardiaco nei piccoli pazienti ematologici ed oncologici.

 

Questo pomeriggio, ad omaggiare Ferrara davanti al pubblico, alla presenza di Fabbri, sono stati la compagna di una vita di Daolio, Rosy Fantuzzi, e Beppe Carletti, anima del gruppo. "Ferrara e il suo sindaco sono amici dei Nomadi e a loro diciamo il nostro grazie", ha detto Fantuzzi, precisando che "l'impegno congiunto del Comune e dell'associazione ha consentito di aiutare e sostenere tanti giovanissimi pazienti oncologici".

 

Carletti ha ricordato che "Ferrara ha dedicato ad Augusto una mostra con le sue opere nella cornice di palazzina Marfisa d'Este. Ci sembrava giusto invitare il sindaco, principale promotore dell'esposizione". "Bello esserci, nel segno di un grande nome della musica italiana di ogni tempo, che grazie a Rosy e all'associazione continua a testimoniare concretamente la sua opera, il suo genio e a realizzare iniziative benefiche nel solco della sua grande eredità, umana e artistica", ha detto il primo cittadino.

 

Sul palco, prima del taglio della maxitorta dedicata ai 60 anni del gruppo, c'erano anche i professori Pier Giorgio Petronini, dell'Università di Parma e Carmine Pinto, direttore dell' Oncologia medica del Centro Oncologico ed Ematologico di Reggio Emilia. Entrambi hanno ringraziato 'Augusto per la vita' e i Nomadi per il sostegno offerto, in diverse iniziative, alla ricerca.

 

Ricerca che ha anche aperto all' introduzione di un nuovo farmaco per pazienti con mesotelioma. A seguire concerto e pomeriggio in musica con i grandi classici di 60 anni di carriera del gruppo. 60 anni che saranno celebrati con un grande evento, a Novellara il 3 giugno e il 10 giugno a Riccione.

A cura di

Altre informazioni

Data pubblicazione

20/02/2023

Aggiornamento

20/02/2023 09:46